Articoli

La primavera è arrivata e l’estate è, oramai, alle porte. E’ tempo di uscire di casa e fare un po’ di sport per prepararsi alla prova costume del 2014. Anche in questo caso i nostri smartphone possono aiutarci a raggiungere gli obiettivi prefissati con una serie infinita di applicazioni volte al benessere psico-fisico.

In particolare parliamo della gamma di applicazioni Runtastic, un vero e proprio personal trainer sempre a portata di mano, o meglio, a portata di click. Per chi ama correre, per esempio, troviamo Runtastic GPS Running che, grazie al GPS integrato nello smartphone e ad un cardiofrequenzimetro, è in grado di analizzare tutti i nostri allenamenti riportando grafici di percorso, velocità massima, media, minima, battito cardiaco e molto altro ancora.

Non solo corsa, ma anche ciclismo, passeggiata, sci… c’è davvero un’applicazione per ogni singolo sport, in grado di aiutarci e guidarci nel lungo percorso che ci separa dalla forma fisica perfetta.

Per chi ama allenarsi a casa, invece, troviamo le app Runtastic Six Pack, Squat Trainer, Push Up e molte altre in grado di guidarci in allenamenti relativi ai vari gruppi muscolari come gambe, addome, braccia, petto etc…

Siccome bisogna sì allenarsi, ma in sicurezza, c’è anche Runtastic Heart Rate Monitor, un’applicazione che, grazie alla fotocamera ed il led flash del nostro smartphone, è in grado di rilevare il proprio battito cardiaco; informazione fondamentale per capire se il nostro cuore è più o meno affaticato.

Beh, noi gli spunti ve li abbiamo dati. Le applicazioni a supporto ci sono. Dovete solo aprire lo store del vostro smartphone, cercare la parola chiave “Runtastic”, scaricare quelle di vostro interesse ed iniziare ad allenarvi.

Un anno, questo 2014, leggermente sottotono per il Mobile Word Congress di Barcellona, dove non s’è visto nulla di davvero innovativo, almeno per quanto riguarda il comparto smartphone. Le aziende leader nel settore dell’elettronica di consumo hanno puntato tutto sugli “indossabili”, aggeggi super-tecnologici (come bracciali ed orologi) che monitorano costantemente tutte le nostre attività quotidiane per poi riportare tutti i dati in un’applicazione da installare, o preinstallata, sullo smartphone.

Group_Gear-2-Gear-2-Neo

Tra queste aziende figura sicuramente Samsung che ha presentato, oltre al Galaxy S5, anche due versioni di smartwatch (Gear 2 e Gear 2 Neo) ed un bracciale con tanto di display touch curvo (Gear Fit).

samsung_gear_fitMa a parte questa breve parentesi, tutti i riflettori erano puntati proprio sul nuovo smartphone top di gamma firmato Samsung. Parliamo del Galaxy S5 naturale successore del Galaxy S4. Quello che ci ha colpito di più di questo nuovo gioiellino è sicuramente la certificazione IP67 per la resistenza a polvere e umidità: in pratica potremmo usarlo anche sotto la pioggia, ma non sott’acqua. Un’altra caratteristica degna di nota risiede nel nuovo sensore della fotocamera da ben 16Mpx in grado di mettere a fuoco in soli 0.3 secondi.

Il display resta un Full HD con risoluzione da 1920×1080 pixel, ma viene “allungato” a 5.1 pollici. La cosa che più ci fa storcere il naso e che, probabilmente, è stata causata dall’ampliamento della diagonale del display unitamente alla capacità di 2.800mAh della batteria, la ritroviamo nelle dimensioni del dispositivo. Più spesso, più alto, più largo e persino più pesante del precedente modello. Un forte passo indietro per l’azienda coreana che sicuramente non piacerà agli amanti dei dispositivi “smart”.

Per quanto riguarda l’estetica, quindi, non notiamo grossi cambiamenti, che emergono solo sulla scocca posteriore, con un nuovo design traforato ed un sensore, di fianco il flash led della fotocamera, per il rilevamento del battito cardiaco.

Le ultime due novità che vi segnaliamo, secondo i più maliziosi, sono palesemente riprese dall’azienda di Cupertino, Apple. Parliamo del sensore di impronte digitali posizionato sul tasto home e della nuova colorazione in oro del device. Per saperne di più e poterlo toccare con mano bisognerà attendere il prossimo 11 Aprile, data ufficiale in cui sarà rilasciato il dispositivo nei principali paesi mondiali tra cui figura anche l’Italia.